Coppa Italia: Serteco si riscatta nella sfida di ritorno contro il Cus Genova vincendo in tre set

Cus Genova 0-3 Serteco
(20-25, 23-25, 21-25)

Vittoria in trasferta per le giovani coccinelle guidate in panchina da Alice Montinaro. Prestazione gagliarda sul campo del Cus Genova e riscattata con gli interessi la sconfitta al tie-break patita nella partita di andata. Le arancionere superano in tre set il Cus Genova con i seguenti parziali: 20-25, 23-25 e 21-25.

Cordone: "Sono molto onorata di poter essere il capitano e vice di queste due squadre, spero di poterle rappresentare al meglio"

Nuovo arrivo in casa arancionera Matilde Cordone è subito stata investita di un doppio ruolo importante: vice capitano della D e capitano dell'U17.

- Sei il vice capitano della D, e capitano dell'U17, un segno di grande fiducia da parte della società. Un ruolo di grande responsabilità, una figura chiave dello spogliatoio. Cosa significa per te essere capitano?

"Da new entry, non mi aspettavo affatto che la società mi attribuisse questo ruolo, perciò sono davvero molto contenta.
Quando si ha a che fare con bambine più piccole, si fa fare loro il sorteggio in veste di capitano a giro, quasi come per dare il contentino, passami il termine. A quell’età non si ha ancora neanche lontanamente chiaro il concetto di squadra, di cosa significhi essere un punto di riferimento, sembra quasi un gioco, ma a 16 anni si ingranano alcuni meccanismi, si sviluppano determinati concetti per i quali si è in grado di coprire un ruolo del genere. Inizia ad essere una grossa responsabilità.
Per me in una squadra ci sono due ruoli che si differenziano particolarmente: il capitano e il leader. Spesso si identificano con la stessa persona, altre volte invece no. Ecco, io spero di essere quel capitano che sa essere determinante per la propria squadra, che sa trasmettere passione e voglia di vincere ad ogni costo, che sa essere anche un leader. Non è solo un ruolo importante nei momenti di vittoria e di merito, ma è fondamentale anche e soprattutto nei momenti di difficoltà, fisica e mentale. Sono molto onorata di poter essere il capitano e vice di queste due squadre, e spero di poterle rappresentare al meglio".


- Il gruppo di quest’anno si è rinnovato, anche se con diverse compagne hai già giocato, come vi trovate assieme e com’è il rapporto con l’intero staff tecnico?

"Per quanto riguarda l'U17 il gruppo è cambiato in modo radicale nonostante non ne facessi parte l’anno scorso, ci ho giocato contro e mi ricordo il gruppo precedente. Essendo una squadra formata da tante nuove giocatrici mi aspettavo ci fosse della rivalità, invece mi sono ricreduta e da subito abbiamo instaurato un legame fortissimo. Abbiamo davvero raggiunto un alto livello di complicità e intesa, ci siamo trovate subito molto bene, riusciamo ad essere una squadra. A livello tecnico si riescono a fare delle belle cose, c'è tanto da lavorare, ma potremo fare molta strada. A livello di spogliatoio sono altrettanto contenta perché si è instaurato un rapporto fantastico. Il fatto di trovarmi un vero gruppo mi fa sentire molto bene.
Per il gruppo della D la questione è praticamente la stessa dell'U 17, siamo praticamente quasi le stesse, non c’è tanta distinzione da fare. Con lo staff tecnico ci troviamo molto bene, sono allenatori capaci, ci sono più tecnici per squadra. A mio parere facciamo davvero allenamenti di qualità. Vengono curati anche i piccoli dettagli. Il tutto è eccezionale".


-La società ha investito tanto nell’impiantistica con tanti palazzetti a disposizione di voi atlete. Dove vi allenate (e giocherete), come vi state trovando nell'impianto?

"Sì, il Presidente Giorgio Parodi ha investito molto in queste infrastrutture, per darci la possibilità di avere a disposizione più campi su cui allenarci e giocare. Essendo una grande società e di conseguenza avendo molte squadre, ciò permette anche di avere maggiori opportunità per quanto riguarda la gestione degli allenamenti. Più spazio è, più e facile distribuire le squadre, riuscendo anche a non sovrapporre entrata e uscita delle atlete, permettendo così di rispettare le norme anticovid.
Come ho già anticipato ci alleniamo quasi sempre insieme, a parte alcune giocatrici, che nella norma si allenano con altre categorie, che si aggiungono ogni tanto per provare ad allenarci come U17 al completo. Solitamente questo accade di venerdì, in cui la seduta di allenamento è dedicata appunto all’U17 e le over che ci aiutano in serie D, si allenano con l’U19.
Gli allenamenti si svolgono lunedì e mercoledì al PalaFigoi. Questo è il nuovo il nuovo palazzetto, che sarà sede delle partite, in cui personalmente mi trovo molto bene, sembra quasi un campo di serie A. Il venerdì invece ci alleniamo al PalaSerteco".


- Siamo quasi arrivati a un anno senza partite, la voglia di tornare in campo è tanta: come sono stato gli allenamenti in questa fase di preparazione infinita (prima del recente stop) e infine ti chiedo l’obiettivo di squadra (sperando di riuscire a cominciare).

"Mentalmente è un grosso ostacolo, il fatto di rimandare è stato demoralizzante, quindi è complicato. Bisogna comunque rimanere concentrate e focalizzate sull'obiettivo finale. La voglia di tornare in campo è alle stelle, tutte siamo veramente ferme da un anno. Per qualsiasi sportivo stare un anno senza giocare senza questa adrenalina del dover vincere è un grossa mancanza. Abbiamo ripreso allenamenti a fine agosto e con i nostri tempi ci siamo ripresi, in più sono stata ferma due mesi per un problema. Una volta ritornata ad allenarmi ho notato un grossissimo miglioramento delle mie compagne, sono molto soddisfatta e c’è ancora tanto da lavorare. L’obiettivo a mio parere è quello di creare a una squadra degna di tale nome e di fare bene con entrambe le selezioni mettendo in campo cio che abbiamo imparato ad allenamento".

Battilana: "Sono molto felice di essere capitano della D, è una esperienza nuova e spero di essere all'altezza". 

Giorgia Battilana in questa stagione sarà il capitano della squadra che parteciperà al prossimo campionato di Serie D. Abbiamo chiesto alla giovane coccinella le sue sensazioni dopo questa importante investitura.

Sei il capitano della D, un segno di grande fiducia da parte della società. Un ruolo di grande responsabilità, una figura chiave dello spogliatoio. Cosa significa per te essere capitano?

"Sono molto felice di essere capitano della D, è una esperienza nuova e spero di essere all'altezza. Un capitano credo sia per la squadra una persona di cui fidarsi e che sia sempre disponibile per aiutare le altre in campo e in spogliatoio. Spero di poter rappresentare questo tipo di figura nel miglior modo possibile".

- Il gruppo di quest’anno si è rinnovato, anche se con diverse compagne hai già giocato, come vi trovate assieme e com’è il rapporto con l’intero staff tecnico?

"La squadra che si è andata a formare quest'anno credo che sia un squadra molto unita. Ci siamo trovate bene tra di noi sin da subito. Anche con lo staff tecnico abbiamo instaurato subito un buon rapporto di confronto sincero che ci ha aiutato a migliorare molto dall'inizio dell'anno proprio come gruppo".

- La società ha investito tanto nell’impiantistica con tanti palazzetti a disposizione di voi atlete. Dove vi allenate (e giocherete), come vi state trovando nell'impianto?

"Noi utilizziamo principalmente il PalaFigoi come impianto (dove giocheremo il campionato), solo una volta alla settimana ci alleniamo al PalaSerteco. Credo sia un bene avere un numero elevato di palazzetti, tra l'altro, molto ben attrezzati, soprattutto in questo periodo dove a causa del Covid non ci possono essere assembramenti e quindi troppe squadre in una sola palestra".

- Siamo quasi arrivati a un anno senza partite, la voglia di tornare in campo è tanta: come sono stato gli allenamenti in questa fase di preparazione infinita?

"La voglia di giocare, credo non sono da parte mia, è altissima. Dato che è da quando hanno riaperto le palestre che ci stiamo impegnando molto negli allenamenti, è anche gratificante riuscire a stare in campo e mostrare quanto siamo cresciute. Credo che il nostro obiettivo di squadra non sia legato solo alla classifica, ma anche a una crescita che ognuna di noi sta facendo in questi mesi con impegno: tutti questi mesi poi verranno messi insieme e mostreranno poi alle nostre avversarie il nostro gioco migliore".


Tornano al lavoro la nostre giovani coccinelle della Serie D

Ritorno in palestra per le nostre coccinelle arancionere in vista della prossima stagione che le vedrà protagoniste nel campionato di Serie D. Le giovani ragazze, sotto la guida di coach Mario Barigione, dei secondi allenatori Claudio Mattia, Tiziano Caponi e Mattia Antola, si sono ritrovate nel tardo pomeriggio di ieri al PalaSerteco per il primo allenamento dopo una lunga assenza dal rettangolo di gioco.

Le ragazze si sono messe subito a disposizione dello staff tecnico con grande voglia per la prima seduta di allenamento come sottolinea coach Mario Barigione "C'era tantissima voglia di lavoarare e sin da subito c'è stata molta intensità. Le ragazze seguiranno un programma ben articolato per questa preparazione. La nota migliore è stata senz'altro la disponibilita e l'entusiasmo delle ragazze che mi ha davvero colpito ed emozionato dopo tanti anni di inizi preparazione".


Terza vittoria consecutiva in Serie D per Serteco


Volley Spezia 0-3 Serteco Volley School 

(20-25,22-25,21-25)


Si son chiusi ieri sera gli impegni del gruppo di Serie D che affrontano due gare portando a casa 6 punti. Le ragazze mostrano una buona crescita rispetto al girone d'andata; le due squadre incontrate sono molto diverse tra loro e si vede una correlazione muro-difesa che si sa adattare alle situazioni avendo acquisito più precisione e ordine. Inoltre, nonostante alcune difficoltà in ricezione, il gruppo è uscito da situazioni difficili con lucidità e coraggio nelle scelte.

Serteco vince 3-1 contro CUS Genova


Serteco Volley School 3-1 CUS Genova
(25-15, 25-12, 19-25, 25-16)


Serteco inizia il girone di ritorno conquistando tre punti nella gara di sabato sera contro CUS Genova. I primi due set sono conquistati grazie a traiettorie di attacco decise e buoni turni in battuta. Le coccinelle però ritornano in campo distratte e lasciano il terzo set alle avversarie. Nel quarto set la squadra riprende a giocare con ordine e chiude la partita.
Prossimo impegno il recupero contro Albaro.

Serteco vittoriosa in trasferta contro Lunezia


Serteco Volley School - AGV Campomorone 0-3 

(23-25, 20-25, 19-25)


Le coccinelle partono decise, ma sul finale di set commettono alcuni errori permettendo a Campomorone di prendere in mano il match. Nonostante i parziali alti Serteco non gioca tranquilla e concede più del dovuto alla squadra ospite che guadagna tre punti. 

Serteco vittoriosa in trasferta contro Lunezia


ASD Lunezia Volley - Serteco Volley School 1-3
(24-26, 25-23, 22-25, 21-25)


Le coccinelle riescono a tornare da una trasferta difficile a pieno bottino. Non una prestazione entusiasmante, ma la consapevolezza di aver guadagnato tre punti importanti avendo la meglio in una situazione di difficoltà. Tutte hanno contribuito in campo; da menzionare l'impegno fuori ruolo della classe 2005 Torrazza Margherita che per due gare si è messa a disposizione della squadra.

Amara sconfitta casalinga nel recupero contro Chiavari


Serteco Volley School Ge 0-3 Tecnocasa CSI Chiavari
(22-25, 23-25, 23-25)


Partita sottotono per le coccinelle che, nonostante i parziali alti, non riescono a imporsi sulla formazione ospite. Prese di sorpresa da alcuni colpi non prendono le redini del match e non trovano con continuità le traiettorie che potrebbero dare problemi alle levantine.
"Sappiamo che questo tipo di squadre ci danno fastidio; l'esperienza in D ci serve appunto per imparare col tempo a gestire queste situazioni"
Prossimo appuntamento sabato 14 in casa di Podenzana.

Immediata reazione delle nostre ragazze contro Santa Sabina


Serteco Volley School Genova 3-1 Santa Sabina 
(25-18, 25-11, 21-25, 26-24)


Le ragazze della Serie D guadagnano tre punti nella gara casalinga di ieri sera. Tutta la squadra si mostra determinata ad aggredire il campo e non mollare. Qualche sbavatura nel terzo set; attacchi sbagliati con poca lucidità e qualche difesa lasciata andare. Buon ritorno di Curto e Marco che rientrano in forma dopo le assenze.
Prossimo appuntamento mercoledì 11 contro Chiavari.

Adpsm2013 Rapallo 3-1 Serteco 

(23-25, 25-22, 25-21, 25-23)


Serteco non riesce a imporsi nella trasferta in casa di Rapallo. Dopo un buon avvio di gara, nella seconda metà del primo set alcune distrazioni fanno sì che le avversarie prendano in mano la partita. Le Coccinelle commettono troppe ingenuità e quando Rapallo reagisce con personalità la rimonta è dura. Sul finale del terzo e quarto set due buoni turni di battuta rimettono in gioco la squadra, ma non basta a dare una svolta al match. Testa ora al prossimo allenamento in vista degli appuntamenti di under16 e 18.